Hawaiian ukulele

La storia dell’ukulele hawaiano!

Immagina di essere in vacanza alle Hawaii. Scommetto che ti immagini l’oceano, le palme che ondeggiano nella brezza tropicale e una bellissima spiaggia di sabbia bianca … Ma cosa senti? Le onde, forse alcuni uccelli e, naturalmente, la musica suonata sull’ukulele. Questa chitarra in miniatura è stata una parte importante della cultura e della scena musicale hawaiana dal 1880, quando fu creata dagli immigrati portoghesi.

Ci sono diverse storie su come l’ukulele ha preso il nome. Secondo la più popolare, è chiamata “pulce che salta” in hawaiano, perché le dita del giocatore si muovevano veloci come quella piccola cimice. Un’altra storia attribuisce il nome di ukulele a Edward William Purvis, un inglese e uno degli ufficiali della corte del re hawaiano David Kalakaua, che aveva lo stesso soprannome per la sua bassa statura e il suo modo irrequieto, e che era anche un esperto suonatore di ukulele. E infine, “Ukulele” significa anche il dono che è venuto qui “in hawaiano, secondo la regina Lili’uokalani, l’ultimo monarca hawaiano.


Gli ukulele sono fatti di legno, anche se alcuni ukulele economici possono essere fatti di plastica, legno laminato o compensato. Gli ukulele più costosi e classici sono fatti di legno duro, come koa o mogano.

Esistono quattro tipi principali di ukulele: concerto, soprano, tenore e baritono. Sembrano e suonano in modo diverso. L’ukulele soprano è anche chiamato “standard” alle Hawaii.

Con solo quattro corde, l’ukulele è più facile da suonare di una chitarra normale e ha un suono unico. È anche molto conveniente e facile da trasportare ovunque, in spiaggia, in un luau o in una festa con gli amici. Non c’è da stupirsi che sia diventato così popolare, non solo alle Hawaii ma anche in tutte le isole del Pacifico e in tutto il mondo!

Vai avanti, metti musica di ukulele o afferra la tua piccola “pulce che salta” e ricrea quel sentimento tropicale …


Related Posts