Music as an energizing method

La giusta musica sostiene il cervello con energia.

Qualsiasi persona ha la capacità di utilizzare la musica come metodo energizzante. Dal momento in cui l’umanità ha inventato la musica, l’hanno usata per soddisfare le loro necessità quotidiane. Ad esempio, veniva usato come ninna nanna per i bambini di notte o per sollevare lo spirito dei soldati. La lista di usi musicali comuni è ampia e lunga quanto la storia più antica dell’umanità stessa.

Nella nostra era hi-tech, Alfred Tomatis ha creato un metodo molto tecnologico per scoprire il potenziale della forza del suono, quella vera componente di “potenza soprannaturale” della musica che può elevare le capacità mentali di una persona per la sua salute e la carica energetica. Secondo Mr. Tomatis, questa energia proviene dal suono. Tuttavia, il signor Tomatis non si è limitato ad alzare la musica. Grazie all’uso di strumenti complicati e attraverso misurazioni speciali, ha scoperto quali frequenze sonore possono influenzare il livello emotivo e fisico della persona: o dargli energia o portarla via.

Sei interessato a scoprire come funziona?

Mr. Tomatis ha trovato conclusioni sorprendenti. Egli affermò quanto segue: “l’orecchio umano non è inteso solo per ascoltare, ma anche per sostenere il corpo e la mente con energia”. Nel condurre esperimenti con la musica di noti compositori, come Mozart di Bach, Tomatis osservò che il processo di affaticamento causato dallo stress si verifica quando la materia grigia del cervello (i neuroni) riceve abbastanza energia elettrica. Ciò significa che semplicemente non hanno la forza sufficiente. La sua affermazione è che i neuroni funzionano come piccole batterie elettriche. Creano una carica elettrica nel cervello della persona, supportando le onde cerebrali, e a loro volta queste onde sono registrate sull’EEG. A prima vista, è probabile che queste piccole batterie vengano caricate attraverso la funzione metabolica del corpo umano, ma in realtà non è così. È qui che si trova il cuore della scoperta di Mr. Tomatis. Le batterie delle celle sono caricate del suono, mentre l’organo delle cellule del Corti è responsabile della trasformazione di energia proveniente da fonti esterne. 24600 lunghe celle distribuite in file ballano ad ogni suono. Come risultato di questa danza, viene prodotta energia che entra nel cervello umano e anche parzialmente viene scissa e trasmessa ai muscoli dell’organismo attraverso il cervelletto.

Il cervello umano è supportato dall’energia dei suoni ad alta frequenza e toglie anche la pressione dai muscoli fornendo vari riequilibri nel corpo. Anche dopo che l’ascolto si è fermato, questo effetto continua. Il metodo di “super-apprendimento” deriva da questa radice. Tuttavia, se ascolti solo i suoni, non riceverai energia. In particolare, la scoperta di Tomatis mostra perché i nordamericani non possono ricevere energia vitale ascoltando la musica dai tempi del barocco, così come quelli che vivono nell’Europa orientale. C’è qualcosa di congiuntivo nell’udire che “sporca” il suono, mentre gli europei dell’Est sono abituati a un buon background sonoro.
Mr. Tomatis ha anche scoperto che la musica con la lingua madre della persona diventa più abituale. Di conseguenza, le persone percepiscono la musica in modo molto diverso. La gamma di gioco di coloro che parlano lingue slave contiene onde sonore di entrambe le frequenze molto basse e molto alte, mentre gli altoparlanti americani e britannici hanno confini molto più stretti.

Sei nato con la capacità di percepire una vasta gamma di suoni con frequenze fino a 20000 Hz. Quindi l’età, le infezioni dell’orecchio e l’inquinamento acustico costante tolgono alla tua percezione. Il suono di un martello pneumatico che esegue 3500 colpi al minuto, il rumore del traffico, le sirene, la metropolitana, la musica urlante e i rumori di sbattere fanno abbassare il raggio d’ascolto. Secondo Tomatis, uno dei principali fattori per cui iniziamo a sentirci peggio con l’età è il fatto che non siamo in grado di percepire i suoni ad alta frequenza che dovrebbero ricaricarci.

Nel 1982, il dottor David Lipscomb, che ha lavorato con il suono nel laboratorio della Tennessee University, ha stabilito che il 60% degli studenti che arrivano all’università ha problemi uditivi significativi nelle gamme ad alta frequenza. Il loro udito era paragonabile a quello degli anziani. La dott.ssa Lipscomb ha detto che “questi giovani stanno iniziando la loro vita con le orecchie di vecchi”.

C’è una possibilità di recuperare l’udito?

È qui che il metodo Tomatis viene a brillare. Si basa sul rinnovo dell’udito usando il suono. Anche se sembra paradossale, il signor Tomatis ha deciso di affrontare l’effetto curativo del suono e della musica. Mr. Tomatis dice: “esistono orecchi per essere usati dalla persona dal punto di vista della fisica e della psichiatria”. Per illuminare la mente, sono necessari suoni con frequenza fino a 8000 Hz, poiché caricano le “batterie del cervello” ad un ritmo molto più veloce. Tomatis ha anche scoperto che la musica dei compositori classici, come Mozart, include principalmente suoni ad alta frequenza. Pertanto, il cervello viene ricaricato più velocemente. Tuttavia, ha anche scoperto che in parallelo a ciò, i suoni a bassa frequenza hanno effetti negativi sia sul cervello che sul corpo di una persona. Ad esempio, suoni di aeroporto o di fabbrica. Mentre le note e i successi nella musica rock “consumano la mente”.

Related Posts